Categoria: Parafarmacie

Che effetto ha la musica sui farmacisti?

I chirurghi plastici sono più precisi quando ascoltano i loro brani preferiti. E i farmacisti?   Ascoltare la musica giusta fa davvero lavorare meglio? A chiudere definitivamente la questione con un grande “Sì” sono stati due ricercatori dell’università medica del Texas, che hanno valutato la differenza di velocità nel dare punti di sutura di un gruppo di chirurgi plastici mentre ascoltavano la loro musica preferita, rispetto a quella di un altro gruppo che operava con una musica casuale in sottofondo. Lo studio, che è stato pubblicato a fine 2014 nientemeno che dall’Oxford Journal (clicca qui per leggerlo), ha riportato un dato rilevante: tempi più rapidi dell’8% per i chirurghi che ascoltavano la loro musica preferita....

Scopri di Più

Quanto, quando (e se) conviene aprire una parafarmacia

Aprire una parafarmacia: rassegnato compromesso di chi rinuncia al sogno di avere una vera farmacia, o vincente scelta imprenditoriale? Il 2006 è stato un anno memorabile per il settore della distribuzione del farmaco: il decreto Bersani-Visco aprì la possibilità di vendere farmaci da banco alle attività commerciali (purché includessero un farmacista iscritto all’Ordine) creando la prima grande incrinatura nelle misure di protezione della categoria. Con la parafarmacia, per la prima volta, chiunque poteva aprirsi al mercato con un’attività molto più vicina alla farmacia di qualunque altra: poteva esporre esternamente la croce (anche se non verde), poteva avere un’insegna che richiamasse direttamente la vendita dei farmaci, poteva effettivamente...

Scopri di Più

10 consigli per aprire una parafarmacia di successo

Ne chiudono in continuazione e la Fascia C resta un sogno. Eppure la parafarmacia può essere un business conveniente. A patto di compiere le scelte giuste. Preferisco essere sincero: è la loro personalità indefinita a causare la debolezza di buona parte delle parafarmacie: mancando un modello originale di riferimento, hanno emulato le vere farmacie presentandosi come grotteschi cloni depotenziati. Tutte le volte che questo è accaduto, il mercato le ha punite ignorandole, e i titolari, piuttosto che ammettere di non avere saputo creare una impresa di valore e di essere caduti in una trappola demagogica, si sono lamentati delle limitazioni della loro licenza. A...

Scopri di Più

Perché credo nella parafarmacia. E anche tanto.

Quel “para” la dice tutta: si tratta quasi di una farmacia. Che debolezza! Della farmacia non ha solo aspetto, settori, esposizione, ma anche la presenza di un farmacista laureato. Eppure la parafarmacia paga il suo peccato originale con un’immagine da Serie B: appena nata è stata privata della funzione prevalente della vera farmacia, ovvero vendere i farmaci “importanti”, quelli della “ricetta rossa”. A quasi 20 anni dalla sua nascita, ancora oggi la parafarmacia non si presenta con una identità indipendente dalla sua sorella maggiore, atteggiamento confermato dalle periodiche pressioni dei sindacati al governo per ridurne le limitazioni. Segno evidente di affari non soddisfacenti. D’altra parte, se le farmacie garantiscono una formidabile continuità territoriale e temporale, che...

Scopri di Più

Perché le parafarmacie rappresentano una risorsa

Cambia prospettiva e inquadra il mercato libero come una opportunità. Stai pensando che questo titolo sia paradossale, ma ti confermo che non lo è. Il fatto che le parafarmacie ti salveranno dal fallimento è la pura verità. Andiamo per ordine. L’apertura delle parafarmacie ha creato una deviazione di una parte delle quote di mercato fino a pochi anni fa interamente riservate alle farmacie. Che per giunta è il mercato che oggi più ti interessa conquistare, ovvero l’extrafarmaco. Questa perdita di quote di mercato rappresenta una emorragia che non potrai mai tamponare: ormai anche tu hai ceduto qualcosa per sempre alle parafarmacie. Chi infatti impedisce al...

Scopri di Più