Robot in farmacia

Il magazzino meccanizzato è una risorsa anticrisi o l’ennesimo investimento a perdere? Dipende dai punti di vista.

Che il robot, al secolo magazzino meccanizzato per le farmacie, sia una innovazione affascinante è fuori di dubbio. Personalmente resterei ore ad ammirare il braccio meccanico che preleva le confezioni appena appoggiate dall’operatore e le sistema al loro posto. Ordinate, contate, sicure. Pronte per essere prelevate in una manciata di secondi all’esigenza del cliente.

Per un appassionato di ottimizzazione come me, il magazzino meccanizzato della farmacia rappresenta la concretizzazione di una utopia, perché offre la possibilità di ottimizzare al cubo:

  • ottimizza gli spazi, grazie agli scaffali scorrevoli
  • ottimizza il tempo di gestione del magazzino
  • ottimizza il tempo del personale alla vendita.

E a differenza di tanti prodotti che promettono e non mantengono, il robot questa ottimizzazione al cubo la fa davvero. Peccato che ci siano anche i lati negativi.

I lati negativi, lo sai già, sono legati agli aspetti economici: il robot per la farmacia costa tanto sia acquistarlo che mantenerlo. E se ieri si poteva spendere non dico con leggerezza, ma con una maggiore propensione al rischio, oggi occorre valutare e ponderare la necessità di ogni investimento, anche molto minore rispetto all’acquisto di un magazzino meccanizzato per farmacia, nuovo o usato che sia.

Ma se invece per la troppa prudenza si stesse rinunziando ad una reale risorsa anticrisi per la farmacia? Guardando questo delizioso video, i dubbi vengono:

La questione del robot in farmacia non può essere liquidata con un semplice “troppo caro, non conviene”. Ma neanche con un “troppo conveniente, vado a comprarlo”. Occorre un approccio diverso.

Torniamo al titolo volutamente provocatorio di questo articolo: secondo te, perché i robot li vendono solo ai farmacisti e non a tutti gli altri commercianti? La mia idea è che solo i farmacisti possono pensare di permetterselo. Il che non vuol dire che solo i farmacisti hanno una disponibilità economica, né che solo i farmacisti hanno un magazzino complesso da gestire.

Prendiamo i negozi di calzature sportive. Per ogni modello esposto (a volte diverse centinaia), esistono decine di varianti di taglia e colore. Questo comporta un tempo di vendita altissimo, visto che i commessi devono per andare e tornare più volte dal magazzino. Certo, ci vorrebbero robot molto grandi e costosi, ma se fossero davvero essenziali tutti i negozi di calzature sportive li richiederebbero, e i prezzi diminuirebbero sensibilmente. Inoltre il margine medio per singola vendita giustificherebbe, e molto, l’investimento.

Eppure nessun negozio di calzature sportive che io conosca ha un robot.

corso-per-farmacisti

La esclusività della presenza commerciale nelle farmacie dei robot lascia quindi pensare ad una focalizzazione dei produttori su un mercato ricco e propenso all’investimento, piuttosto che ad una reale convenienza.

La questione diventa ancora più interessante se riguardiamo il video. Nella farmacia senza robot si realizza una vendita in due minuti, mentre in quella col robot se ne realizzano quattro in due minuti.

Secondo questo video il fatturato tende a ottuplicarsi grazie al robot. Il che sa di miracoloso. Ti svelo i suoi trucchi.

Trucco #1 – Spero tu non abbia una farmacista come la prima del video
Se i tuoi dipendenti boicottano le vendite come quella farmacista, probabilmente lo faranno anche col robot, quindi non sarà quello a salvarti dalla crisi.

Trucco #2 – La vendita abbinata e il consiglio farmaceutico non sono una prerogativa del robot
Il farmacista deve ascoltare, consigliare e vendere prodotti correlati in ogni caso, con o senza la presenza del robot in farmacia. Fa parte delle sue mansioni e del suo lavoro.

Trucco #3 – I clienti che vanno via: caso grave ma raro
Durante l’orario di punta può capitare che i clienti vadano via per non aspettare anche col robot. Se vuoi valutare l’incidenza annuale di questo fenomeno, conta in una settimana quanti clienti vanno via, moltiplica per 45 e poi per il tuo scontrino medio.

Se non sei soddisfatto dei numeri della tua farmacia il punto non è se comprare il robot o meno, ma a quali requisiti tra quelli descritti nel video gratuito risponde la tua farmacia:

  • se risponde bene a tutti i requisiti e puoi permetterlo, compra il robot perché ti aiuterà a fare numeri ancora più importanti (anche se non ottuplicherai il fatturato, te lo garantisco)
  • se non risponde bene a tutti i requisiti, prima correggi il tiro allineandoti agli standard che ho fissato per te, e poi pensa a fare investimenti importanti come il robot.

corso-per-farmacisti