Il retrobanco della farmacia è visto da migliaia di utenti alla settimana. Organizzalo correttamente per vendere di più

L’importanza commerciale del retrobanco è direttamente collegata al livello di concentrazione del cliente dal momento che lo scopo della sua visita è quello di risolvere un problema.

Nel momento in cui il farmacista si allontana per esaudire la sua richiesta, lo sguardo del cliente si focalizza sulla parete retrostante.

La sua attenzione in questo momento è massima e pertanto se nell’attesa del ritorno del farmacista il suo sguardo intercetta qualcosa di interessante, il suo cervello ordina l’impulso di acquisto. Al di là delle varie tecniche legate al livello di accoglienza della farmacia, il retrobanco è un ottimo strumento pubblicitario.

Cosa esporre e cosa no

Dall’esperienza condotta in decine di farmacie, e dal confronto con centinaia di titolari, posso affermare che nel retrobanco vanno esposti UNICAMENTE i seguenti prodotti: